Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Animazione’ Category

Paper DickensQuest’anno il Natale vi viene presentato da Paper Dickens, con la sua dolcissima e meravigliosa versione de “Il Canto di Natale” (una delle migliori, tra l’altro!).

♪ ~ Oggi il Natale porterà gioia e serenità,
senti un lieto scampanare simbolo di felicità,
senti nell’aria la magia, l’ottimismo e l’allegria,
e felici con gli amici siamo in festosa compagnia ~
Ad ogni dono che farai più felice tu sarai,
quanta gioia ti darà dire Buon Natale…

Un Buon Natale a ognun darò~! ♬

Buone Bubbole a tutti!!

Annunci

Read Full Post »

In realtà questo post non era previsto… era mia intenzione fermarmi con le graphic novels, dopotutto, mi dicevo, “ultimamente non ho acquistato neanche un film”. Poi però ho pensato anche che non potevano essere dei veri consigli per gli acquisti senza la categoria “cinema”, e comunque a Natale non possono mancare dei bei film da vedere in famiglia e/o con gli amici!

Quindi ho deciso che baserò questa quarta parte sui film che avevo visto al cinema, e che stanno ora uscendo in DVD e bluray, e ai film datati che stanno ora godendo di una nuova edizione!

Ed ecco gli ultimi consigli, per la categoria…

FILM

Inizio con il consigliare i film in uscita per l’homevideo, quindi non perdetevi Brave (mi dispiace, mi rifiuto di utilizzare il titolo italiano! XD), The Dark Knight Rises e The Amazing Spider-Man!

Brave è il film Pixar uscito quest’estate nelle nostre sale, e, che dire? Dovrebbe bastarvi saper che è della Pixar. Ma nel caso non vi bastasse (eretici! XD) aggiungo che troverete i paesaggi leggendari della Scozia, una buona storia che parla della famiglia, e in particolare del rapporto tra una madre e una figlia, e poi… ci sarà della magia, ci sarà un torneo, ci saranno delle musiche che non faranno star le tue gambe ferme un secondo, e ci saranno i meravigliosi capelli di Merida! *_* Tutto chiaro? Bene, perchè è il film perfetto da guardare in famiglia il giorno di Natale!

The Dark Knight Rises è l’ultimo (meraviglioso) capitolo della trilogia di Nolan dedicata al Cavaliere Oscuro, quindi se vi è piaciuto o se conoscete qualcuno fan dell’intera serie, è il regalo giusto!… E sarebbe il regalo giustissimo nell’edizione che vi ho linkato! XD Io prenderò il cofanetto con l’intera trilogia, ma mi dispiace terribilmente perdermi questa incredibile edizione!

Altro film estivo che è uscito da poco per l’homevideo è The Amazing Spider-Man.
Devo dire la verità: ai tempi mi era molto piaciuta la trilogia di Sam Raimi, ma ora preferisco l’Uomo Ragno raccontato da Marc Webb. Raimi ha raccontato la storia e le avventure di Spiderman, mentre Webb si è concentrato su Peter e sul fatto che, prima di essere un supereroe, è un liceale. La sua visione mi è piaciuta molto di più. Anyway, questa è un’ottima idea regalo per gli appassionati, e, di nuovo, consiglio in particolare l’edizione linkata! 😛

Passiamo ora ai film un po’ datati, e iniziamo con la nuova edizione de La Storia Fantastica. Tratto dal bestseller di William Goldman (La Principessa Sposa), La Storia Fantastica è un film che ha proprio tutto! Avventura, pirati, una bella storia d’amore, complotti, e personaggi assurdi! Vi divertirà, vi appassionerà e vi conquisterà! E ha un sapore un po’ vintage, che non potrà non farvi provare nostalgia per i vecchi film!

E in occasione del 70esimo anniversario, ecco anche l’edizione speciale di un grande classico: Casablanca! Un capolavoro intramontabile che dovrebbe avere un proprio posto in qualunque casa… Nella vostra non ce l’ha? Be’ dico, rimediate!

Come nel precedente, anche in questo post voglio concludere con un tuffo nel passato… I miei ultimi consigli sono questi: Anastasia, Pollicina e Brisby e il segreto di Nimh, tre piccoli capolavori animati del regista Don Bluth.
Brisby da piccola mi faceva morire di paura, e ogni volta che lo guardavo mi ripromettevo che sarebbe stata l’ultima, ma inevitabilmente finivo per riguardarlo e per spaventarmi ancora. Penso che questo voglia dire un paio di cose… 1) che quel film fa davvero paura! XD (la scena iniziale con i topolini che si contorcono dal dolore mi ha segnato a vita!) 2) che è davvero, davvero bello.
Pollicina e Anastasia hanno una cosa in comune… delle bellissime canzoni!!! *_* Chi ha visto i film non può aver dimenticato la meravigliosa Vieni via con me, o la dolcissima Quando viene Dicembre! ♥
Le atmosfere invece sono molto diverse: quelle di Pollicina sono, giustamente, da fiaba, mentre quelle di Anastasia sono quelle ricche e sfarzose del palazzo dei Romanov prima, e quelle frizzanti e colorate dell’Europa poi. Ma ecco un’altra cosa in comune: sono entrambi bellissimi! *_* Forse Anastasia un po’ di più, ma non potete perdervi l’occasione di crearvi un vostro parere, quindi guardateli, guadateli e riguardateli!

… E regalateli! XD Anche perchè il Natale è il periodo dei film d’animazione, quindi fatene incetta e organizzatevi le serate in famiglia!

E siamo dunque giunti all’ultimo riassunto… et voilà!
CONSIGLI PER GLI ACQUISTI, categoria FILM:

  • Brave, di M. Andrews;
  • The Dark Knight Rises, di C. Nolan;
  • The Amazing Spider-Man, di M. Webb;
  • La Storia Fantastica, di R. Reiner;
  • Casablanca, di M. Curtiz;
  • Brisby e il segreto di Nimh, di D. Bluth;
  • Pollicina, di D. Bluth;
  • Anastasia, di D. Bluth.

E questo è davvero tutto gente! Nel complesso è venuta fuori una lista per Babbo Natale proprio niente male, e poi… sono riuscita in pochi post a parlare, come desideravo, di tutti i miei recenti acquisti preferiti! *_* XD

Non mi resta ora che augurarvi un felice shopping natalizio!
… Andate, e spendete! XD

Read Full Post »

Dragons: Riders of Berk

Credo di non aver mai parlato su queste pagine di How to Train Your Dragon (uscito da noi con il titolo Dragon Trainer), ed è un peccato, perchè lo reputo uno dei migliori film d’animazione che io abbia mai visto!

Non fermatevi alla copertina! Vichinghi, draghi… so già cosa state pensando: “la solita cavolata commerciale!“…

NO!

How to train your dragon è prima di ogni altra cosa una storia che parla di sentimenti, del superamento delle differenze e dei pregiudizi, di comprensione, ma soprattutto è la storia di una grande amicizia! ♥ L’amicizia fra un ragazzo, Hiccup, l’emarginato del villaggio, e un drago, Sdentato, la furia buia tanto temuta da tutti i vichinghi.
Sì, perchè draghi e vichinghi sono nemici giurati, perennemente in guerra! 😛
E in questo contesto avverrà il primo incontro fra i due, incontro non esattamente piacevole e pacifico, ma al quale ne seguiranno altri, e a poco a poco entrambi impareranno a conoscersi, a superare le diffidenze, e riusciranno ad avvicinarsi, a riscoprire la fiducia l’uno nell’altro…

Tornando a noi, insomma, un film d’animazione meraviglioso (con due nominations agli Oscar!), con personaggi indimenticabili (io continuo a volere uno Sdentato tutto per me!! ♥_♥), e con una colonna sonora dotata di ali (una delle più belle che io abbia mai ascoltato! *_*).

… E con questo credo di aver rimediato al mio passato silenzio riguardo a questa piccola meraviglia… e in più vi ho messo nella condizione di poter capire con quanta gioia io abbia accolto la notizia (grazie Blu!) dell’uscita della relativa serie tv!! *_*

~ Gioia immensa, felicità infinita, eccetera eccetera eccetera…~ XD

In attesa del seguito del primo film, previsto per il 2014 (ma nessuno tiene conto dell’Apocalisse??? XD), su Cartoon Network quast’autunno andrà in onda, appunto, la serie tv, con il titolo Dragons: Riders of Berk, la cui prima stagione sarà composta da 20 episodi (dico “prima” perchè, a quanto pare, è già stata messa in cantiere una seconda! *_*).

Riders of Berk (di cui sono già usciti 3 episodi) si colloca cronologicamente proprio alla fine del primo film (quindi, se non l’avete ancora visto, fermatevi qui!): la vita nel villaggio scorre tranquilla, fra Berk e i draghi c’è la pace, Hiccup, Sdentato e gli altri del gruppo si cimentano in acrobazie in volo, e… STOP!

Torniamo indietro… Vita nel villaggio tranquilla? Berk e i draghi in pace? Sì, ma be’… i draghi son quel che sono, e fanno quello che i draghi fanno: creano scompiglio, razziano le case per il cibo, e… compiono la loro “naturale regolarità” molto regolarmente ogni giorno alle 3 del pomeriggio! XD

Insomma, sembra proprio che la pace e la tranquillità siano solo teoriche, e nel villaggio non manca chi non ha mai visto di buon occhio i draghi e non si fa sfuggire l’occasione per rompere le palle… ehm… per cercare di farli rinchiudere! XD Hiccup, che naturalmente non ha intenzione di separarsi dal suo caro Sdentato (♥♥♥♥♥ XD), si farà venire un’idea, e dato che l’episodio s’intitola How To Start A Dragon Academy, si può facilmente immaginarne il contenuto! XD

Quindi… Sono tornati! I draghi, i vichinghi, il divertimento… Hiccup e Sdentato! ♥♥♥♥♥ XD
Per ora ho visto il primo episodio, e mi è piaciuto tantissimo! Mantiene in vita le stesse atmosfere e lo stesso spirito del film (e le stesse meravigliose musiche!).
Se vi è piaciuto il film, non potete perdervi la serie, questo è sicuro! Anche perchè potrebbe esserci un legame fra questa e il futuro seguito del 2014! 😛
Più che altro c’è da sperare che la portino anche in Italia (sì, stavo parlando del Cartoon Network americano T_T)! Ma… aspettiamo, e speriamo!…

… e riguardiamo il film, riascoltiamo la colonna sonora, e seguiamo la serie in lingua originale! *_* XD

This is Berk, for generations it was fighting against the dragons. The battles were ferocious, then one day everything changed.
I met Toothless, and together we assured people here that instead of fighting dragons we can ride them, live with them, even train them!

Dragons…
Most people have considered that life here is better since we made peace with them. Unfortunately, dragons are still, well… Dragons!

Read Full Post »

Son passate due settimane da quel giorno folle che è stato il 30 ottobre, eppure a me sembra passato molto più tempo, un anno, due.. A tratti è come se in realtà non fosse accaduto affatto. Già sull’aereo per il ritorno mi sembrava di aver sognato.

Ma se tuttora mi sembra un sogno, bè, è quello di cui abbia i ricordi più nitidi.

Di cosa sto parlando? Ma del 30 ottobre, giorno di fiera a Lucca, giorno in cui vidi e ascoltai per la prima volta Terry Brooks.

Dato che mi conosco, e sapevo che scrivendo questo post avrei potuto inciampare nell’ennesimo flusso di coscienza lungo un papiro e sconclusionato, ho deciso di auto-affibbiarmi un percorso da seguire, e questo percorso è costituito da quello che definirei il mio bottino di guerra fiera! XD Ed eccolo qua:

Ed ora, pronti, partenza, VIA!

1 – Biglietto del Lucca Comics. Chiaro indizio della mia “visitina” alla fiera, ma ne sfrutterò il significato per parlare un pò più in generale del viaggio… e lo farò in breve, altrimenti solo per spiegare come sono arrivata ad avere in mano quel biglietto, ci vorrebbe quasi un blog a parte! XD Quindi, in breve. Quest’anno in teoria non dovevo andare al Lucca Comics (anche se ho scoperto che nessuno ci credeva! O_O Ma io ero seria!! T_T), dato che quest’estate ero già andata a Londra, ma poi scoprii che la fiera quest’anno avrebbe ospitato uno dei miei scrittori preferiti: Terry Brooks. Ora, saltiamo tutti i patemi e i viaggi mentali che ne derivarono, ed andiamo al punto. Il punto è che alla fine la mia fiera è stata di 5 ore (contro le 7 ore di viaggio in aereo tra andata e ritorno – e se contiamo anche i viaggi da casa all’aeroporto e viceversa, fanno 9 ore! XD -), 3 delle quali dedicate al mio Terry! ♥

E il biglietto? Per il biglietto devo ringraziare la cara Blu e il suo Mr. Sandman! ♥ Io ormai non so più cosa dire per ringraziarli… Grazie a loro ho passato 2 fra le più belle ore della mia vita, quindi grazie, grazie, GRAZIE! ^_^

Ah! E una menzione d’onore va anche alle mie compagne di viaggio, che mi hanno seguito in questa completa follia! XD Sono davvero fortunata ad avere amiche come voi! *_*

2- T-Shirt del Lucca Comics. Niente da dire in realtà, solo un piccolo desiderio soddisfatto: quest’anno mi piaceva da morire la locandina, quindi una delle prime cose che ho fatto arrivata alla fiera è stata quella di dirigermi verso un punto shop per acquistarla, e lì ho scoperto che questa era gratis con l’acquisto di un gadget! Quindi ora ho sia la locandina che questa bellissima T-shirt!! *_*

3- Birthday Presents. Come se non fosse abbastanza come regalo di compleanno l’acquisto in anticipo del mio biglietto, ecco i regali per il mio compleanno da parte di Blu! Spero che non le dia fastidio se posto una loro foto, ma il mondo deve sapere quanto è brava!! *_* Sì perchè quegli orecchini a forma di Pan di Stelle e quel ciondolo a forma di Totoro sono fatti con le sue mani!! E sono bellissimi!!! *_* Grazie mille Blu, con tutto il cuore! Sappi che ormai non riesco a separarmene! XD E grazie mille anche per i poster, che naturalmente ho già appeso!!

4- Terry’s Words. Last, but non least… L’ho visto. Cioè, ancora non ci credo del tutto, ma, sì, l’ho visto, e soprattutto, l’ho sentito. Quando ti innamori di uno scrittore, ti innamori di lui come tale, non come persona, è normale: non lo conosci. Uno può scrivere i libri più belli ed essere in realtà poco interessante. Non so che genere di persona mi aspettassi fosse Terry, ma qualsiasi cosa m’immaginassi, quell’incontro mi ha sorpreso e riempito di gioia in un modo che non si può spiegare. Sì perchè non solo è un mago nell’uso delle parole, è anche una persona fantastica, e dopo solo il suo discorso iniziale, la mia precedente ammirazione si è trasformata in pura adorazione! *_*

Cosa si può provare per una persona che, con l’emozione nella voce, ti confida che scrivere lo rende “una persona completa“, e che per lui “scrivere è come respirare“? Io sono rimasta senza parole, ma ciò che tutti provavamo in quella sala è stato perfettamente espresso da quel lungo applauso che ne è derivato.

E dopo la serietà iniziale, ecco che ci fa partecipi anche del suo lato spensierato perdendosi in battute e risate a non finire. Davvero, un incontro che mi ha riempito il cuore. ♥

Per questo non mi ha depresso più di tanto il fatto che dopo, a causa della luuuuuunga fila, non sia riuscita ad ottenere il suo autografo. Primo, perchè avevo ancora in circolo arcobaleni (XD), secondo, perchè si sarebbe trattato di fare una scelta: o seguire il suo incontro, o iniziare a fare la fila per l’autografo. Bè, la scelta sarebbe stata ovvia! *_*

Quindi tornai a casa la sera stessa senza rimpianti, ma anzi.. con ancora arcobaleni in circolo! XD

Capitò poi che a Lucca dovesse andarci anche una mia coinquilina, a cui, per sicurezza, avevo precedentemente dato un libro di Terry, così che facesse la fila nel caso io non riuscissi nella mia impresa. E così è stato (e non finirò mai di ringraziarla!! *_*). Si dice che non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca (si dice così, vero?), io ho dimostrato il contrario! XD

Ed ora quel “with magic” mi accompagnerà per tutta la vita.

Read Full Post »

Uso impropriamente il titolo di un film che neanche ho visto, ma che ben si adatta al contenuto di questo post. Infatti in questo periodo sono felice, felice, feliceeee~, e tutta questa felicità non fa che attirare eventi lieti!

L’altro giorno ero nella mia camera a Cagliari, e stavo leggendo a letto un libro di Terry Brooks felice come una Pasqua, poi guardando l’ora, l’ho chiuso, ed a un certo punto mi sono incantata con lo sguardo al muro, e ho pensato: “sono proprio fortunata!”.

  • Perchè sono felice?

Sono felice perchè ho passato un’estate fantastica, e sebbene non abbia dedicato troppo tempo ai libri di diritto, ora che è iniziato il nuovo anno accademico, non me ne pento affatto! Sono felice perchè sto leggendo Terry Brooks, e fra le sua pagine mi sembra di tornare indietro di 10 anni!  Sono felice perchè in barba alla miseria del mio portafoglio, ho deciso di andare al Lucca Comics lo stesso! Sono felice perchè L’Ultimo Dominatore dell’Aria mi è piaciuto, a dispetto delle mie aspettative! Sono felice perchè l’altro giorno ho comprato i quaderni di Geronimo Stilton, ognuno dedicato a un Regno della Fantasia diverso! XD Sono felice perchè mercoledì ho visto Inception ed ha superato in beltà e in perfezione i miei ricordi! Sono felice perchè ogni pomeriggio alle 16 e 10 mi aspetta una puntata di Sailor Moon! XD Sono felice perchè è riniziato Merlin, e le puntate andate in onda sono state una più bella dell’altra!

  • Perchè sono fortunata?

Sono fortunata perchè i mobili nuovi nella mia camera a Cagliari mi permettono di pensare di vivere in un altro posto, ed aiutano ad ammortizzare il mio astio verso quella città! Sono fortunata perchè non ho fatto in tempo ad esser triste per il fatto che le mie lezioni iniziassero il 20 settembre, che già sono state rinviate all’11 ottobre! Sono fortunata perchè le uniche due lezioni di procedura civile che ho seguito, hanno avuto la durata di un’ora anzichè due! Sono fortunata perchè le mie non sono semplici coinquiline, ma persone fantastiche a cui voglio tanto bene! Sono fortunata perchè ho appena scoperto che il 14 ottobre cade in un giorno in cui non avrò lezioni di mattina all’alba! XD Sono fortunata perchè i sottotitoli di Merlin escono il giorno dopo l’andata in onda inglese! XD Sono fortunata perchè in questo periodo è uscito il “nuovo” libro di Neil Gaiman, e io non vedo l’ora di averlo fra le mani!

Insomma, questo è un periodo proprio felice e fortunato! *_* Forse dovrei provare a giocare! XD Dovrei sfruttare in qualche modo i numeri 528491, naturalmente il 42, e poi potrei tentare con 4 8 15 16 23 e 42 (mmh.. il 42 compare anche nei numeri di Lost, una coincidenza?)… Comunque, dicevo, periodo fantastico, e il futuro mi sembra anche più roseo: arriva l’autunno e con esso le castagne!!! *_* Lucca & Terry Brooks!! A novembre esce il bluray e la colonna sonora della quinta serie del Doc! Il 7 dicembre mi aspetta Lo Schiaccianoci al Teatro Lirico!!

E poi oggi è il 1° ottobre, il mese più bello dell’anno!

Cavoli, se è un sogno, per favore non svegliatemi! Non ho un totem, quindi non posso verificarlo, ma sto bene nella mia beata illusione che questa sia la realtà! XD

Read Full Post »

Tutti abbiamo nel cuore
una mamma e un papà,
ogni giorno il loro amore
ci spinge sempre più in là!
Judy non ha nessuno
che aiutarla potrà,
ma ecco l’ombra di qualcuno
che tutto ciò cambierà… Cambierà!

Ah, che nostalgia~

Quando ero piccola, questo era certamente uno dei miei cartoni preferiti: non importava a che ora lo davano, per quell’ora dovevo essere davanti alla tv, e non importava quante volte davano la replica, io lo dovevo comunque vedere! Sono sicura che tutti conoscono la storia della piccola Judy, ma per senso di completezza, ecco un piccolo accenno di trama!

Judy Abbott, o meglio, Jerusha (nel libro si farà poi chiamare Judy perchè non sopporta il suo vero nome), è un’orfana nata a New York, che sin da quando era in fasce ha dovuto vivere all’Istituto John Gryer, un orfanotrofio. All’età di 17 anni (nel libro, e nel cartone all’età di 13 anni) Judy sembra ormai destinata a rimanere nell’orfanotrofio per sempre come istitutrice, ma il destino ha in mente altri piani per lei. Infatti il Presidente del Consiglio dell’Istituto, dopo aver letto un suo tema, colpito dal suo grande talento nello scrivere, decide di diventare il suo tutore, e di permetterle di andare all’università (alle superiori nel cartone). Judy è al settimo cielo per la notizia, e vorrebbe ringraziare di tutto cuore il suo benefattore, ma tutto ciò che riesce a scorgere di lui è la sua ombra proiettata su una parete, dove appare come un uomo dalle gambe lunghissime (e da qui verrà poi il soprannome “papà gambalunga”). Judy quindi si prepara ad andare all’università e a lasciare per sempre l’Istituto dove è cresciuta, e che ha sempre odiato. Il suo papà gambalunga le pone solo due condizioni: lui dovrà rimanere nell’anonimato (infatti si farà chiamare John Smith), e lei gli dovrà scrivere frequentemente delle lettere per informarlo del suo andamento scolastico. Inutile dire che in realtà Judy scriverà ben poco di algebra, inglese e storia, ma piuttosto racconterà al suo tutore delle sue nuove amicizie, degli avvenimenti che che accompagnano la vita universitaria, del suo problema d’identità, e della sua paura di confessare alle sue amiche di essere un’orfana… E gli racconterà anche dei suoi, o meglio, del suo primo amore: Jervis Pendleton. Questi non è altri che lo zio di Julia, una sua amica, e quasi da subito fra i due nascerà un’intesa speciale. Lui sembra capirla come nessuno era mai stato capace, ed inoltre, pur essendo un uomo ricchissimo, lei vede in lui uno spirito libero, ed affine al suo. Però, nonostante la differenza di età sia un problema che non l’ha mai interessata (12 anni nel libro, ovviamente di più nel cartone), Judy si cruccia per ben altre questioni: infatti Jervis è di un rango sociale troppo elevato per potersi “mischiare” ad un orfanella come lei. Quindi quando alla fine Jervis le chiede di sposarlo, lei lo rifiuterà, convinta che lui non le avrebbe fatto la proposta se l’avesse messo a conoscenza delle sue origini. Judy, disperata, chiede quindi consiglio al suo papà gambalunga, ed è proprio allora che riceverà un’autentica sorpresa…

Vabbè, più che un accenno è il riassunto della storia, ma pazienza! 😛 Dicevo dunque che questo cartone mi ha sempre affascinato, e proprio un paio di settimane fa sono riuscita ad acquistare il romanzo, che ho letto tutto d’un fiato! *_* Lo stile è quello epistolare, quindi noi seguiamo la storia attraverso le lettere che Judy scrive al suo papà gambalunga. Le prime sono fra le più divertenti, dove Judy racconta il nuovo mondo in cui è stata catapultata, poi man mano cogliamo tutti i suoi stati d’animo, tutte le sue incertezze, le sue vittorie: attraverso le sue parole la vediamo crescere. E quando all’inizio della lettera leggiamo “Caro signor Smith”, sappiamo che è successo qualcosa che l’ha fatta arrabbiare! XD Inoltre commuove leggere di come Judy si affezioni alla figura del suo papà, pur non avendolo mai visto e malgrado il fatto lui non risponda mai alle sue lettere. Lo vede come il suo migliore amico, come il padre, come la madre, come i suoi fratelli e sorelle, lui per lei è tutti gli affetti di una famiglia. E anche se a volte rimane contrariata dalle sue decisioni, fa in fretta a perdonarlo e chiedergli scusa per aver scritto parole troppo dure nei suoi confronti. Dopotutto lui le ha donato una vita, la libertà, e la felicità.

Tra l’altro ho scoperto che l’autrice (Jean Webster in arte, e Alice Jane Chandler Webster di nascita), ha scritto questo romanzo solo per un fortunato caso! A quanto pare un giorno era in compagnia del suo editore, e mentre leggeva nel porticato un libro, un daddy longlegs (nome comune in America per ragni con le game sottili e lunghe) le cadde sopra le pagine. Ed allora disse al suo editore che sarebbe stato bello scrivere un romanzo con quel titolo! XD Ringraziamo quindi il piccolo ragnetto padre di questa bellissima storia! 😀

Il libro poi è impreziosito dai disegni che Judy allega alle sue lettere, per illustrare meglio al suo papà i dettagli della sua vita, e gli fa anche un ritratto! Il famoso ritratto che poi attaccherà alla parete della sua stanza:

Per concludere, volevo scrivere assolutamente questo post perchè, dopo aver letto il libro, naturalmente mi son rivista anche tutto il cartone, che, ancora e a distanza di anni, riesce sempre a emozionarmi e a coinvolgermi come quando ero bambina! Adesso posso dire che è molto fedele al libro, anche se aggiunge molti particolari (ma sempre ben accetti e che, anzi, donano nuovi colori alla storia). E posso dire che la sigla italiana è molto meglio rispetto a quella giapponese d’apertura! XD Mentre quella di chiusura è molto carina, e mi ricorda un pò la canzoncina di Totoro 😛 .

Ed ecco di seguito le OP & ED giapponesi (dopo ci sono anche le OP & ED di Cantiamo insieme, ma dettagli XD), e la sigla italiana!

OP & ED (ho messo il link, perchè se metto il video, questo parte da solo)

.

Ma come posso aver rispetto per una persona che desidera essere chiamata John Smith? Non potevi scegliere un nome con un pochino più di personalità? Potrei anche scrivere lettere a una Cara Casella Postale, o a un Gentile Stendino da Bucato.
[…]
So solo tre cose di te:

  1. Sei alto.
  2. Sei ricco.
  3. Odi le ragazze.

Forse potrei chiamarti Caro Signor Odiatore di Ragazze. Ma questo sarebbe offensivo per me. Oppure caro Signor Riccone, ma questo sarebbe poco riguardoso nei tuoi confronti, come se il denaro fosse la tua unica caratteristica. […] Ma una cosa è certa: rimarrai alto finchè campi! Ecco perchè ho deciso di chiamarti “Papà Gambalunga”.

Read Full Post »

“Sora no Woto” (ソ・ラ・ノ・ヲ・ト, “Il Suono del Cielo”) è uno degli anime che il Giappone ci propone per la stagione invernale… E, a dirla tutta, è l’unico che mi ispirava! 😛

Fa parte di un progetto (Anime no Chikara, la forza degli anime) che si propone di creare serie originali, quindi non ispirate a romanzi o manga, e molto curate nei particolari, dai disegni alla musica.Il trailer era bellissimo, ed è stato quello a convincermi ad iniziare l’anime… E per il momento non me ne pento, anche se faccio fatica a trovarci un qualche accenno di trama. La prima puntata fa presagire forse qualche evento interessante, ma la seconda non dice niente di nuovo… Ma, non so perchè, sono ottimista! 😛 I disegni effettivamente sono belli, e i paesaggi molto curati (a quanto pare la città che fa sfondo alle vicende dell’anime è una città vera che si trova in Spagna), e per il momento la storia non mi ha ancora annoiato sebbene non sia successo praticamente niente.

Trama: la storia nasce nel bel mezzo di un conflitto bellico, e narra di una giovane recluta, Kanata, che viene mandata nel plotone di stanza a Seize, nella fortezza “Custode del Tempo”. Questo è però un plotone solo di nome, in quanto la guerra non sembra toccare questo piccolo angolo di terra, e Kanata non è propriamente un soldato, ma un’aspirante trombettiere. E infatti a Seize troverà in Rio (membro del plotone) la sua insegnante di musica.

Nella trama c’è qualcosa che potrebbe richiamare “K-On!”, ma una volta iniziato l’anime, ci si rende conto che la storia prenderà sicuramente una piega diversa…Per il momento rimango in atrtesa della terza puntata per farmi un’idea più chiara, però per il momento è consigliato! 😀

Vodpod videos no longer available.

more about “Sora no Woto PV | Sound of the Skies“, posted with vodpod

Read Full Post »

Older Posts »