Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2012

I am Sherlocked

Dico la verità: un nuovo post su Sherlock era d’obbligo, la mia coscienza me lo imponeva e il mio cuore lo voleva, MA… ma ovviamente, per quanto ogni tanto iniziassi fra me e me il post, avevo deciso di scriverlo dopo la terza puntata, l’ultima. Cosa mi ha fatto cambiare idea? Il fatto è che è sera, il fatto è che stamattina ho finito di leggere il Tutto Sherlock Holmes della Newton & Compton, e il fatto è che ora mi sono resa conto che domani andrà in onda l’ultimo episodio.
Il fatto è che ora mi sento sola e triste.
Mi manca la compagnia del mio Holmes su carta, e so che a breve dovrò salutare il mio Sherlock dal “good coat and a short friend”.

E ad un tratto l’illuminazione: dovessi scrivere questo post dopo The Reichenbach Fall, diventerebbe un post triste, tristissimo (me lo sento, me lo sento!). E fino a stamattina invece ero felice, felicissima!
Le visioni di A Scandal in Belgravia segnano lo scorrere del mio tempo, i momenti in cui mi incanto e mi “risveglio” con le musiche dell’episodio (intense, profonde, perfette) sono più frequenti di quanto forse dovrei ammettere, e il ripetere i dialoghi fra Sherlock e la Adler è diventata un’abitudine che forse non dovrei menzionare davanti al mondo, MA (c’è sempre un ma)… ma, come da titolo,

I AM SHERLOCKED!

Quindi, prima dell’avventura di domani, fatemi parlare dell’episodio più bello, so far!

Quanto tempo è passato da quel 25 luglio che vedeva una ragazza seduta nel divano di una reception sintonizzarsi sulla BBC per fare la conoscenza dell’unico consulting detective al mondo? Troppo.
Quella ragazza, come molti altri, aveva incontrato l’avventura, il mistero, e un personaggio brillante, cinico, con un bel cappotto, che le prometteva tutto, eccetto la noia. La noia in genere veniva scacciata con delle pallottole e uno smile! Ma il brivido del gioco, è questo ciò che Sherlock ci ha fatto provare, ed è questo ciò cui abbiamo dovuto rinunciare per tutto questo tempo. In questo senso siamo un po’ tutti John Watson, felici di esser coinvolti nel suo mondo. Perchè se di Watson ce ne possono essere tanti, di lui ce ne può essere uno solo. Un anno e mezzo fa abbiamo scoperto il suo genio, il suo carisma, la sua ironia, la sua freddezza, la sua follia.. il suo esser semplicemente fantastico!

E adesso, dopo tutto questo tempo in cui abbiamo creduto di conoscerlo, di aver visto tutto di lui, ecco che spunta A Scandal in Belgravia e ti accorgi di non aver in realtà guardato in profondità. Perchè l’episodio è come un’immersione, e nell’apnea ti capita di vedere il riflesso del suo cuore.

Moriarty: If you don’t stop prying, I’ll burn you. I’ll burn the heart out of you.
Sherlock: I have been reliably informed that I don’t have one.
Moriarty: But we both know that’s not quite true.

A Scandal in Belgravia parte in modo divertente, quasi comico (sulle note di Staying Alive XD – Moffat sei un genio! -), e naturalmente sto parlando dei siparietti iniziali durante i quali Sherlock cerca un caso di cui occuparsi (– I think my husband might be having an affair. – Yes. XD) fino al caso del ritorno di fiamma e la visitina a Buckingham Palace in lenzuolo e senza mutande (XD).
Poi la narrazione cambia registro. All’inizio non in modo evidente, si percepisce per lo più con l’assenza delle solite musiche ritmiche a cui eravamo stati abituati, e così continuiamo la visione facendoci rapire dagli scambi verbali (e non solo) fra il nostro Sherlock e Irene Adler, poi all’improvviso ci ritroviamo a Natale. Sherlock prima si mette in mostra con il suo violino (adorabile! *_*) e poi con le sue solite capacità deduttive, questa volta a scapito della povera Molly. Ed ecco che succede: un “Forgive me” e un “Marry Christmas, Molly Hooper”.

Dicevo prima che in un certo senso siamo tutti un po’ Watson, quant’è vero in questo caso, perchè la sua reazione è stata la mia: totale sorpresa e perplessità. Ed è in questo momento che si arriva a capire cosa c’è di diverso: nessun caso, nessuna corsa da un parte all’altra di Londra in cerca di indizi… Non c’è il solito Sherlock attivo, un passo avanti a tutti, che anticipa il presente, c’è uno Sherlock passivo, coinvolto dagli eventi, un passo indietro a quel che verrà. Ma non si fa in tempo a razionalizzare davvero il cambiamento, anche noi ci stiamo facendo coinvolgere dagli eventi, fino a ritrovarci in un obitorio dove lui, Sherlock, quello che sopra definivo cinico e freddo, dice al fratello:

Look at them. They all care so much. Do you ever wonder if there’s something wrong with us?

Questa volta però non c’è nessuna sorpresa, per quanto mi riguarda ero come ipnotizzata, completamente catturata, tutto ciò che dirò da ora in poi è frutto di pensieri successivi alla visione, perchè durante non un solo pensiero ha attraversato la mia mente, che veniva invece pian piano riempita da magnifiche immagini, brillanti dialoghi e stupende musiche. Non c’era spazio per me.

Ma una piccola parte di me c’era e ha gongolato in un particolare momento: il salvataggio di Mrs Hudson. La mal celata rabbia, il desiderio di vendetta, l’infinito affetto che sta dietro le parole “Mrs Hudson leave Baker Street? England would fall!” e il mezzo abbraccio che ne segue… Sono momenti che ti riempiono il cuore! ♥

Ed ora veniamo all’altra protagonista dell’episodio: Irene Adler, The Woman. Un personaggio che, per come lo conoscevo io sulla carta, all’inizio mi ha fatto un po’ storcere il naso, ma che poi non ho potuto far a meno di adorare! *_* I suoi modi, il suo fascino, la sua arguzia, tutti aspetti che rendono il suo personaggio a dir poco intrigante e carismatico.

E un personaggio del genere combinato con il nostro Sherlock non può che far nascere scintille! I loro incontri diventano sempre una partita a scacchi, una gara di menti, un gioco d’astuzia. Ma dietro il gioco si celava in realtà un unico scopo: usare Sherlock Holmes.

Mycroft: The damsel in distress. In the end, are you really so obvious?  Because this was textbook: the promise of love, the pain of loss, the joy of redemption; then give him a puzzle… and watch him dance.

E, sebbene sembrerebbe impossibile, la Adler sarebbe davvero riuscita nel suo obiettivo… se solo non si fosse fatta coinvolgere dal gioco, e da lui. La scena finale in cui Sherlock rivendica la sua vittoria svelando quella che per lei è stata una debolezza, è sublime. Uno Sherlock sconfitto, preso in giro, si rialza e, digitando il codice quasi sparasse dritto al cuore, vince.

Irene: You don’t actually think I was interested in you? Why? Because you’re the great Sherlock Holmes, the clever detective in the funny hat?
Sherlock: No. Because I took your pulse. Elevated. Your pupils dilated.

Ma l’episodio si conclue con un altro tipo di vittoria, quella come persona. Perchè nonostante tutto la Adler non è la donna che ha provato a sfidarlo e ha perso, no, lei è sempre e solo La Donna. Non voglio parlare di amore, perchè questo non è il caso, ma è certo che Sherlock per lei provava una profondissima ammirazione, che si può leggere fra le righe di un “Happy New Year”. E così alla fine la salva davvero, la sua damigella in pericolo.

Watson: He despised her at the end. Won’t even mention her by name, just ‘The Woman’.
Mycroft: Is that loathing or a salute? One of a kind, the one woman who matters.

La serie andrà avanti per molti altri anni (o almeno, lo spero vivamente), ci saranno tanti altri episodi bellissimi (ce n’è uno proprio domani!), ci saranno mille altre avventure ed emozioni da vivere, ma questo episodio, per la sua intensità, per la sua profondità, e per l’esser stato così ben confezionato, rimarrà per sempre un piccolo gioiello da custodire gelosamente nei ricordi.

E a voler essere un po’ frivoli, come non capire la Adler? Come si poteva rimaner distaccati di fronte ad un uomo del genere? Non ci riesce neanche Jim Moriarty, dato che si mette a parlare in falsetto! XD Io non sono che una delle tante povere Molly Hooper, ma dopotutto anche lei è riuscita ad ottenere un bacio sulla guancia, quindi…

THE POST IS DONE. LET’S HAVE DINNER.

Annunci

Read Full Post »

E siamo arrivati al 2012

Di solito nel primo post dell’anno scrivo i miei buoni propositi, ma…

questo è l’ultimo anno, quindi tutto ciò che voglio è godermelo!! XD

 

BUONA APOCALISSE A TUTTI!! XD

 

Read Full Post »