Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Libri’ Category

Vi ricordate le vecchie sottilette “100 pagine a 1000 lire” della Newton & Compton? Per chi non le ha in mente, eccole (e ho appena notato la presenza di DUE doppioni! XD):

100 pagine 1000 lire

In realtà ero piccolissima nel periodo in cui c’era il boom della collana, ma ricordo benissimo mia mamma e le sue mani che si allungavano sullo scaffale per prenderne quanti più poteva! XD Alcuni però li avevo scelti io, non mi ricordo quali, ma di sicuro Il fantasma di Canterville (che nella foto non c’è perchè è in mezzo ai miei libri). In ogni caso, a distanza di non so quanti anni, ecco che la Newton & Compton torna con un’iniziativa simile: 130 pagine a 0,99 centesimi! E le copertine questa volta sono coloratissime e carinissime, insomma una vera tentazione non solo per il portafoglio, ma anche per gli occhi!

130 pagine a 0,99 cent

Per il momento sono usciti solo 12 titoli, ma non dubito che presto se ne aggiungeranno altri. Ieri li ho visti per la prima volta, e, cavoli!, avrei volentieri svuotato l’espositore! XD Però in realtà avevo già la maggior parte dei titoli, quindi mi son dovuta limitare a Il sogno di Freud, ma voi non fatelo! E per aiutarvi nella scelta, ecco i miei consigli:

  • Il grande Gatsby, di Fitzgerald: in realtà quando lo lessi ricordo che non mi entusiasmai come pensavo, però resta il fatto che Jay Gatsby è uno dei personaggi più eccentrici e interessanti del XX secolo, quindi mettetelo nel carrello!
  • Le notti bianche, di Dostoevskij: mi son pentita di non averlo preso… L’ho fatto prendere ad una mia amica, ma io invece l’ho snobbato data la mia allergia per gli autori russi (anzi, diciamo le cose come stanno: non di allergia si tratta, ma di pregiudizio dato che non ho mai letto un autore russo! XD). Poi in pullman l’ho preso dalla sua busta, ho letto la trama e… arrgh! Avrei dovuto prenderlo! XD
  • Racconti del terrore, di Poe: li avevo letti tutti, e sono inquietanti e macabri proprio come il titolo suggerisce! Non so quali racconti contenga questo volumetto, si nominano solo Il gatto nero (che è comunque uno dei migliori) e Il cuore rivelatore. Ma in ogni caso se ancora non conoscete i racconti di Poe non avete scuse, con un euro avrete brividi assicurati! Ne approfitto anche per dire quale sia il mio racconto preferito: Il pozzo e il pendolo! Più che altro perchè stato il primo racconto che lessi, e, si sa, il primo amore non si scorda mai!
  • Amleto, di Shakespeare: essere o non essere? Fortunatamente nessun dubbio esiste sull’acquisto! Se non l’avete già, DOVETE prenderlo! La storia la conoscono più o meno tutti, ma solo coloro che hanno letto la tragedia possono apprezzare il valore dei monologhi del triste Principe di Danimarca. Quando lo lessi la prima volta rimasi incantata… Il genio di Shakespeare illuminava tutti i suoi testi, ma Amleto, semplicemente, abbaglia.
  • Lady Susan, della Austen: un brevissimo racconto in forma epistolare. Non un capolavoro, ma comunque godibile. E poi Jane è Jane, e per un euro comprerei anche la sua lista della spesa! XD

E qui finiscono i miei consigli… Vi ho fatto virtualmente spendere meno di 5 euro, per un totale di 5 belle storie, non male direi! 😛 E concludo con la speranza che la collana si amplii presto con tanti altri titoli!

Libri a 99 centesimi… e chi può resistere!

Annunci

Read Full Post »

Stasera c’è la notte degli Oscar, quindi… parlerò di tutt’altro! XD
Quest’anno ho visto solo quattro dei nove film candidati, e ne ho già parlato abbastanza in altri post. Tranne di Lincoln… allora dico che è bellissimo e che mi ha fatto innamorare di Daniel Day-Lewis (che commento profondo! XD). Dico poi che tifo sia per Lincoln che per Les Misérables… Ma soprattutto per Les Misérables! *_*

Detto ciò… Passiamo all’argomento di oggi! L’ottobre scorso la Salani aveva indetto un concorso di grafica: 10 copertine per 10 famosi titoli della casa editrice! Ogni partecipante doveva creare una copertina per il titolo che preferiva, e le migliori dieci copertine (una per ciascun titolo) verranno poi esposte alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna.

Specifico subito una cosa: io non ho partecipato al concorso. In realtà ne sono anche venuta a conoscenza piuttosto tardivamente (ma in ogni caso non avrei partecipato, quasi non so neanche tenere una matita in mano! XD), poi la settimana scorsa mi è capitato di leggere un tweet della Salani dove si annunciava la preselezione delle copertine.

Ed ecco che si arriva finalmente al contenuto di questo post: dopo aver visto le copertine preselezionate, ho deciso di fare una selezione tutta personale, quindi le mie 10 copertine preferite! Non conosco tutti i libri, quindi per alcuni il mio giudizio sarà basato semplicemente sulla trama. Ma dato che è un concorso di grafica, contribuirà sempre il fattore estetico, dopotutto… “si giudica un libro dalla copertina” (come? Non è così il detto? XD). Per ogni titolo inserirò il link che rimanda a tutte le copertine preselezionate, ma nel post inserirò solo l’immagine della mia preferita. Quindi, pronti… partenza… via!

Si inizia subito con un libro che non conosco. Ho letto un po’ di cosa si tratta su wikipedia, e in effetti sembra interessante… Insomma è finito in wishlist! XD Per quanto riguarda la copertina, ho scelto questa perchè, oltre ad essere molto bella, trasmette anche dinamicità: la storia non è statica, quindi quest’illustrazione secondo me è quella che meglio rappresenta il contenuto del libro. Poi mi piace molto lo stile scelto dall’autore: confusionario e ricco di elementi… in che altro modo si potrebbe descrivere la storia? XD

Oddio, la prima volta che avevo letto il titolo i miei occhi avevano magicamente letto “Chi me l’ha fatto fare?”, poi quando sono riuscita a captare il vero titolo… mi son scompisciata! XD Ma forse avrebbe dovuto dirmi qualcosa il fatto che la talpa in ogni copertina avesse una cacchetta in testa! XD Eh, non c’è niente da fare, la perspicacia è tutto! XD Comunque, questo libro sembra divertentissimo! XD Ad una talpa qualcuno gliel’ha fatta in testa, ma chi sarà il colpevole? Confesso di esser super curiosa! Appena troverò il libro in qualche libreria, correrò subito all’ultima pagina per scoprire il colpevole! Secondo me l’aspetto più delirante di questo libro è la fase dell’investigazione, quindi ho scelto la copertina che per me rappresenta meglio questo aspetto.

Oh, mon amour! Libro prediletto della mia adolescenza (ma non l’unico! :P). Qua scegliere la copertina significava scegliere la mia visione del libro: cosa rappresenta per me, com’è fatto il mio Harry, e il mondo che la mia immaginazione aveva creato. A quanto pare, nessuno dei partecipanti al concorso si è avvicinato a quel mondo, ma ce ne sono due che preferisco. In una c’è la rappresentazione schietta e semplice degli elementi che rappresentano il contenuto della storia: un paio di occhiali, una cicatrice, un gufo e una Hogwarts lontana (mi riferisco ovviamente alla seconda immagine). Ma l’altra immagine vince! Ci mostra la scena da cui tutto è iniziato, e riesce contemporaneamente a comunicare tutte le meraviglie che ci attendono: una promessa di un viaggio straordinario, con un’ombra lì dietro che ci ricorda che il cammino sarà anche ricco di ostacoli da superare!

Quando penso all’antico testamento la prima cosa che mi viene in mente è l’Arca di Noè (forse perchè da piccola avevo visto un cartone che raccontava la Bibbia, e quella dell’Arca era la mia scena preferita! XD). Detto ciò, si capisce bene il perchè della mia scelta! E poi lo stile di disegno è carinissimo, così come i colori! Ecco, una copertina del genere potrebbe convincermi a prendere un libro come questo, che altrimenti non avrei neanche mai preso in mano! 😛

Un altro libro che non conosco (in effetti gli unici libri in concorso che ho letto sono tre, me ne sono appena resa conto! XD). Dopo aver letto la trama ho però deciso di leggerlo, sembra un racconto dolce e poetico. E la lettura della trama mi ha facilitato tantissimo la scelta della copertina! Molte hanno giocato sul titolo del libro, ma solo una in un colpo d’occhio (gioco anch’io! :P) ti descrive tutta la storia. Detto ciò, dovrò recuperare il libro. Anche perchè ancora non ho letto niente di Pennac, ed è quindi tempo di rimediare!

Illustrazione di Flaminia.

Sono particolarmente sensibile al tema della natura, quindi ecco un altro libro che non conoscevo (ma ne avevo sentito parlare) e che dovrò assolutamente recuperare. Penso che la natura ci regali ogni giorno spettacoli straordinari: l’aurora boreale, un cielo stellato, le nuvole a forma di tartaruga, fiori di mille colori… ma la bellezza sta anche nelle cose che ci stanno attorno e che diamo per scontate. Faccio una breve digressione: io abito al quarto piano di un condomio, e davanti alla mia finestra c’è un albero (davanti davanti, proprio quasi appiccicato!), e quell’albero è uno degli esseri che io ami di più a questo mondo. Quando ero piccola ancora non arrivava alla mia finestra, mentre ora la supera di qualche metro… l’ho visto crescere e lui ha visto crescere me. Tutto questo per dire che un albero, o una foresta possono essere anch’essi degli spettacoli straordinari, e la missione di Bouffier è di quelle che ti conquistano il cuore!.. Ma qua si dovrebbe parlare di copertine, quindi ecco quella che secondo me rappresenta meglio la missione di quest’uomo straordinario.

Il primo libro letto in questo 2013! ♥ Ho notato che molti hanno scelto di rappresentare semplicemente Matilde e il suo amore per la lettura. Secondo me invece sono parte importante del libro anche le sue doti, grazie alle quali anche una bimba come lei riesce a prendere per il naso gli adulti malvagi e a far trionfare la giustizia! Ma ho scelto questa copertina anche per un altro motivo: non viene dato un volto alla protagonista. Matilde è una parte di tutti noi: quella parte che riesce ancora a vedere le cose belle della vita e a non disperare per quelle brutte, quindi è una bella idea quella di non darle un volto (a meno che non sia quello datole da Quentin Blake, ma questa è un’ovvia eccezione!).

Quelli della mia generazione conosceranno di sicuro il telefilm e il cartone animato, io li conosco quasi a memoria (il cartone in particolare), ma in effetti non ho mai letto il libro (messo subito in wishlist! XD). Mi baso sui miei ricordi, e devo dire che la cosa che più mi è rimasta impressa è la capacità di Pippi di sollevare il suo cavallo! Secondo me dice tutto sulla sua stramberia! XD Sono due le copertine in cui è raffigurata Pippi che regge il suo cavallo, ma in quella che ho scelto c’è anche la scimmia, quindi… jackpot! XD

Non lo conoscevo, ho letto la trama, e… aiuto! Su dieci libri completamente diversi fra di loro, prima o poi doveva capitarne uno che non mi piacesse, ed eccolo qua! Ma uno su dieci mi sembra un buon risultato! 😛 Comunque, posso giudicare solo dalla trama, ripeto: non l’ho letto. Fatto sta che mi sembra una storia altamente drammatica, e questo non è esattamente il mio genere… Fra le copertine preselezionate ho quindi scelto quella che rispecchia di più ciò che la trama mi ha trasmesso: la tetraggine aggira i protagonisti! Lo so che in realtà probabilmente l’autore dell’illustrazione voleva rappresentare un faro in mezzo alle tenebre, ma è come la questione del bicchere mezzo vuoto o mezzo pieno: la trama mi ha fatto credere nel bicchiere mezzo vuoto! XD

Si conclude la lista in bellezza con una storia tenerissima (sebbene nasca da una tragedia). Questo libro nella sua semplicità tocca temi molto profondi: l’inquinamento (T_T), i pregiudizi, l’innocenza e l’ingenuità di chi da poco si è affacciato al mondo, il superamento delle differenze, l’amicizia e… l’amore. Ho scelto quindi la copertina che per me trasmetteva più di tutte questo amore: Zorba che protegge la piccola Fortunata, e quest’ultima che guarda in sù quasi per dire “grazie”! Semplice, ma profonda, come la storia.

 

Fine del tour! Non mi resta che fare i complimenti a tutti gli autori delle copertine preselezionate! Sono tutte bellissime, e spesso fare una scelta è stato davvero difficile! In ogni caso mi son basata su criteri mooolto personali, e per alcune non ho guardato neanche all’estetica… Per fortuna non faccio parte della giuria della Salani! XD Ma son felice di essermi fatta prendere dal concorso: mi ha fatto scoprire dei titoli molto interessanti. E non vedo l’ora di leggere L’uomo che piantava gli alberi! *_*

Non mi resta che fare due auguri!
Alla Salani, per i suoi 150: auguri di tutto cuore, e grazie per avermi fatto conoscere Harry, Bartimeus, Chrestomanci e Willy Wonka! ♥
E auguri a voi, illustratori preselezionati! Buona fortuna a tutti!! 😀

P.S.: purtroppo non ho potuto ricollegare ciascuna copertina al nome del suo autore. Quindi tu, illustratore di una di queste copertine, se passi da queste parti… palesati! Così posso anche rinnovarti i miei complimenti! 😀

Read Full Post »

Il 2012 in libri!

Ho appena scoperto che il mio 2012 è stato di 47.510 pagine sfogliate! O almeno così dice anobii! XD In ogni caso… mannaggia, a saperlo prima, mi sarei sforzata di far cifra tonda e arrivar alle 50.000! XD

Ma facciamo un passo indietro… ero su anobii, e per curiosità sono andata alla voce “statistiche” della mia libreria, ed ecco il risultato:

Cronologia di lettura

Ora, c’è da dire che anobii ovviamente conta anche tutti i fumetti, le graphic novels e i libri illustrati presenti in libreria… Così mi son chiesta “ma quanti libri avrò letto veramente?“, e ancora non lo so! Lo scoprirò scrivendo questo post, perchè ho deciso di riportare tutti i titoli da me letti, e di fare una sorta di classifica in base al genere, e magari alla fine una super TOP 5! XD Quindi, rimbocchiamoci le maniche (anzi no, fa freddo… XD), e iniziamo! *_*

Avventura

Credo di essermi impelagata in un’impresa piuttosto difficile… come faccio adesso ad esprimere una preferenza? Mi son piaciuti tutti… TUTTI! Forse un po’ di meno Robinson Crusoe, ma per gli altri… Vabbè, partendo dal presupposto che li consiglierei tutti, perchè son tutti bellissimi, ecco il podio:

  1. Il Corsaro Nero
  2. Ventimila leghe sotto i mari
  3. Il giro del mondo in 80 giorni (perchè ha uno dei finali più belli e felici che io abbia mai letto! *_*)

Classici

Come si può facilmente intuire, durante l’anno ho avuto una “fase-Dickens”! XD Più precisamente era l’inizio dell’anno, però sembra davvero ieri… Comunque, prima di perdermi nei ricordi, passiamo alla classifica! Sempre più difficile…

  1. I Miserabili
  2. Grandi Speranze
  3. Il nostro comune amico (ma è terribile non poter mettere sul podio tutti i libri del caro Charles… T_T)

Classici moderni

Questa volta la scelta è più facile! Non perchè nella lista ci siano titoli meno meritevoli, ma perchè ce sono proprio tre che mi hanno colpito profondamente! *_*

  1. Via col Vento
  2. Rebecca la prima moglie
  3. Il generale del Re (che è una sorta di Via col Vento ambientato nell’Inghilterra di Cromwell)

Fantasy

Mmh… Direi che il primo posto è scontato, ma gli altri due? Facciamo così: Charmed Life lo tolgo dalla sfida perchè in realtà l’avevo letto per la prima volta nell’autunno del 2011, nel 2012 l’avevo semplicemente riletto in lingua originale (perchè la copertina era bellissima! *_* XD), fatto ciò… la scelta mi pare più serena! 😀

  1. Il Signore degli anelli
  2. Piedi d’argilla (oh Vimes! *_* XD)
  3. L’ultimo Unicorno

Narrativa “scaldacuori”

(non scriverò MAI “per ragazzi”)

Dunque dunque dunque… questa sarà una classifica abbastanza omogenea… tutta per Roald! *_* XD

  1. La Fabbrica di cioccolato
  2. Il GGG
  3. Le streghe

Narrativa contemporanea

Difficile… difficile… son qua 5 minuti e ancora non ho deciso… Quindi, iniziamo a facilitarci la scelta! La serie della Torre Nera di King mi sta piacendo tantissimo, ma la terminerò quest’anno, quindi facciamone questione del 2013 e tagliamo la testa al toro! XD Ora sono indecisa per il terzo posto… Douglas Adams, Jo Rowling o Scarlett Thomas? Dirk Gently mi è piaciuto molto, ma non ai livelli (inarrivabili) de La Guida Galattica. Il seggio vacante è profondo e intenso, ma mi è piaciuto quasi controvoglia: non è il mio genere. Il giro più pazzo del mondo non è un capolavoro, ma adoro le storie in cui i personaggi riscoprono se stessi e i veri valori della vita… mi fa sentire partecipe dell’illuminazione collettiva! 😛 Quindi… ho deciso! XD

  1. La stanza delle meraviglie
  2. Arancia meccanica (ho adorato alla follia il gergo di Alex e compagni! XD)
  3. Il giro più pazzo del mondo

Ed ecco (finalmente! XD) finite le classifiche! Le categorie non sono precisissime, e forse ho sbagliato la catalogazione di alcuni libri, ma non importa! Non voleva essere una classificazione precisa, solo un modo di elencare le mie letture preferite dell’anno! 😛

Detto ciò, contiamo! 1, 2, 3… 71! Nel 2012 ho letto 71 libri! Ed ora si spiega dove vadano a finire tutte le mie ore di studio… XD Anyway, per concludere questo infinito (e faticoso) post, ecco la super-ultra-definitiva TOP 5! XD

  1. I Miserabili
  2. Via col Vento
  3. Il Signore degli anelli
  4. La Fabbrica di cioccolato
  5. Il Corsaro Nero

I Miserabili e Via col Vento in realtà dovrebbero condividere il primo posto, ma ho deciso di “far vincere” i buoni sentimenti, quindi onore e gloria a Jean Valjean!

… E onore e gloria al passato 2012, che è stato davvero un anno ricco di fantastiche letture! ♥
Non mi resta che augurarmi (e augurarvi) un 2013 fatto di pagine ancora più meravigliose! 😀

Read Full Post »

Nella memoria popolare, il male precede sempre il bene.

Finalmente, dopo anni e anni, sono riuscita a leggere Strega! Eh sì, perchè in Italia il libro è FUORI CATALOGO. Halleluja halleluja! -.- In ogni caso, è fatta! Il libro è stato letto, ed è stato anche molto apprezzato!

Ma di cosa parla? E perchè ero tanto curiosa di leggerlo? Tutto è presto detto: Strega parla della storia di colei che tutti noi conosciamo come la Perfida Strega dell’Ovest, quella che la cara e dolce Dorothy… uccide!

Wicked

Insomma, il libro ci mostra un po’ i dietro le quinte de Il mago di Oz, dando ai fatti una versione completamente diversa e raccontandoci la storia non di una Perfida Strega, ma di Elfaba, una comune ragazza verde.
Elfaba sembra esser nata sotto una cattiva stella: innanzitutto è una femmina, poi ha la pelle verde e i denti aguzzi, pare esser allergica all’acqua, e manifesta una sorta di natura ribelle e malvagia… dopotutto qual è la sua prima parola? “Orrore”! Ma mentre la famiglia scambia ciò per l’ennesima dimostrazione dell’aberrante natura della bambina, in realtà Elfaba ha semplicemente visto ciò che a breve sarebbe capitato: l’avvento di un Mago e la sua tirannia. Crescendo la nostra verde protagonista dovrà affrontare le sfide della vita: i pregiudizi delle persone, l’affetto verso una famiglia da cui non si sente totalmente amata, le prime amicizie (la più importante con Galinda, la futura Glinda, la Strega buona del Nord), e l’amore. Ma anche la filosofia, la teologia e la politica. Elfaba rimane sconvolta e non accetta le nuove leggi del Mago, e dedicherà quasi tutta la sua vita alla lotta contro il tiranno.

Elfaba durante il racconto risponderà a diversi nomi: per il padre sarà Fabala, per gli amici Elfie, per i suoi compagni di ribellione Fae, per il suo amato Fae-Fae, e solo in seguito verrà ribattezzata come la Perfida Strega dell’Ovest, ma non per via delle sue azioni, solo per le sue parentele, e, in ogni caso, non sarà mai chiamata in tal modo da coloro che la conoscono. In lei c’è un po’ della mente Jo March, un po’ dell’intelligenza di Hermione Granger, un po’ dell’arguzia di Lizzie Bennet, un po’ della passione e della capricciosità di Cathy Earnshaw, e c’è un po’ dell’anima guerriera di Giovanna d’Arco. Elfaba in realtà non è nè Perfida e nè tantomeno una Strega, è una bambina, una ragazza e infine una donna che la Natura (o altro…) ha creato verde, e che le circostanze hanno reso ribelle, e sorella della Perfida Strega dell’Est. Queste sono tutte le sue colpe, eppure… nella memoria popolare, il male precede sempre il bene.

Strega è un racconto che parte da un’idea brillante (ribaltare la storia che tutti noi conosciamo), e che si sviluppa in modo originale e coinvolgente. Bastano poche pagine per comprendere totalmente Elfaba e per affezionarcisi, e ogni tappa della sua vita diventa importante quasi più per noi che per lei. E conoscendo già la sua fine, mille e mille volte vorresti entrar nelle pagine per poterla avvertire, ma il suo destino è già stato scritto tanto tempo fa.

In ogni caso bisogna dire che Gregory Maguire, l’autore del libro, è stato in grado di riscrivere la storia di Oz in una maniera che davvero ci fa dubitare della veridicità de Il mago di Oz, la qual cosa è del tutto assurda, dato che son entrambi racconti inventati! Eppure… dopotutto chi è il Mago se non uno straniero che di punto in bianco diventa il sovrano assoluto di Oz? Tutto ciò, anche nel racconto originale, non è strano? Perchè poi il Leone aveva così tanta paura? Perchè il Mago manda una bambina a uccidere la Strega? Se era davvero così perfida, non possedeva lui forse soldati da poter mandare in missione? E perchè la Strega ci teneva così tanto ad avere le scarpette di Dorothy? Solo per la loro magia?

È come se l’autore avesse individuato i punti deboli della storia originale, e abbia dato una spiegazione a tutti… una spiegazione non solo estremamente convincente, ma anche affascinante. Ed ora la mia visione de Il mago di Oz è del tutto cambiata.

Ma ecco un problema, non solo il libro da noi è fuori catalogo, ma, a quanto pare, fa anche parte di una quadrilogia, e… gli altri tre libri da noi non sono mai stati tradotti! TRAGEDIA! O_O Eppure in teoria dovrebbe esser anche un libro importante… dopotutto ha ispirato il famosissimo musical Wicked (il musical preferito di Ugly Betty! XD)! Meglio che non mi pronunci… Comunque, c’è una fievole speranza che presto la serie avrà un trattamento di tutto rispetto anche da noi (ma mi accontenterei anche solo di un “trattamento”! XD), infatti nel 2014 dovrebbe uscire il film tratto dal primo libro, e quindi probabilmente ci sarà la sua ristampa e la traduzione degli altri.

Mi resta un’ultima cosa da dire: attenzione, non è un libro per bambini! Nel caso foste così fortunati da trovare il libro in qualche libreria dell’usato, non regalatelo ai vostri cuginetti, figli, nipoti o altro (leggetelo voi! XD)! Non solo il libro tratta temi complessi quali la teologia e la politica, ma tutto il racconto ha un tono e una narrazione adulti. I bambini devono leggere la versione di Frank Baum, devono conoscere la piccola Dorothy e i suoi allegri compagni e devono scoprire il mistero su quel vecchio buontempone del Mago. La “verità” non è fatta per i bambini, loro devono vivere di sogni e di fiabe… e nelle fiabe le Streghe son cattive e fanno sempre una brutta fine.

Nella vita delle Streghe non esiste un per sempre; nel per sempre delle Streghe non esiste un felicemente; nella storia delle Streghe non esistono postille.

Read Full Post »

Fra un mese è Natale (cavoli, fra un mese davvero!), ed è tempo quindi di iniziare a pensare ai regali… da ricevere, ma anche da fare!
… Io ho già ben pensato alla mia lista di desideri, ma questa è un’altra storia! XD

Non sapete cosa chiedere a Babbo Natale? (cosa impossibile! XD) Vorreste un consiglio per gli acquisti? Eccomi qui a vostra disposizione! XD
… La verità è che in questi ultimi tempi ho svuotato il mio portafoglio, voglio soltanto parlare dei miei acquisti preferiti, ed ogni scusa è buona per farlo, ma dettagli! XD

Anyway, dividiamo i “consigli” in categorie, e partiamo dai…

LIBRI

Da poco (?) c’è stato Halloween, quindi non posso non consigliare in generale il genere fantasy… Poi, anche non si fosse in periodo di streghe e zucche, d’inverno un buon fantasy dovrebbe essere quasi obbligatorio! (Non c’entra niente il fatto che io abbia letto i libri di Harry Potter sempre d’inverno, no eh! XD) Insomma, un bel plaid, un camino acceso (per chi ha la fortuna di averlo), e la pioggia fuori dalla finestra conciliano la fantasia e la voglia di magia! Quindi, prendete carta e penna e segnatevi questo nome: Terry Pratchett!

“Come, non dovevi consigliare dei libri?” Bè, sì! Vi sto consigliando dei libri… vi sto consigliando TUTTI i suoi libri! XD E perchè? Perchè Pratchett è uno scrittore brillante, geniale, e fare la sua conoscenza significa scoprire un nuovo modo di fare narrativa! Ma se non vi convincono i miei argomenti, cito quelli della Gazzetta di Salani:

Terry Pratchett è uno degli scrittori più letti al mondo.
Tutti i suoi libri sono bestseller, con oltre 40 milioni di copie vendute…
… I suoi libri sono i più rubati in assoluto nelle biblioteche della Gran Bretagna!

Ora siete almeno un po’ convinti? XD Altrimenti, ultima argomentazione: i suoi personaggi vivono, camminano, mangiano, dormono e ogni tanto combinano qualcosa su un altro mondo: il Mondo Disco, un disco, appunto, sorretto da quattro elefanti a loro volta sorretti da una tartaruga gigante, la Grande A’Tuin, che “nuota lenta nel golfo interstellare”, e… “un mondo simile, che esiste soltanto perchè agli dei piace scherzare, è un luogo dove la magia può sopravvivere”.

Se volete iniziare dall’inizio, leggete Il Colore della magia, se volete iniziare facendo la conoscenza delle guardie più improbabili di sempre, leggete A me le guardie!, ma l’importante è iniziare, l’importante è scoprire Sir Pratchett!

(In ogni caso, qua trovate l’elenco dei suoi libri, e qua l’ordine in cui dovrebbero esser letti – ordine che ho completamente ignorato XD -)

Ed ora, dopo aver fatto la mia personalissima propaganda a questo geniale autore, andiamo avanti!
Il Natale sa di magia, di spensieratezza, di infanzia e di cose dolci… comprate un libro di Roald Dahl e regalate il Natale a qualcuno! Infatti in ogni suo libro ritroverete tutti questi ingredienti, più qualche altro, che nel complesso creano la ricetta perfetta per la felicità, la cura per ogni malumore!… E funziona davvero, parlo per esperienza! 😀 Ma quale libro consigliare in particolare? Be’, siamo nel periodo della cioccolata calda, quindi direi proprio La Fabbrica di cioccolato! Una storia divertente, allegra e tanto, tanto dolce! ♥

Abbandoniamo ora le terre della magia, approdiamo su porti forse più conosciuti, e parliamo di classici! I classici sono i cosiddetti “sempre verdi”, quindi a regalarli o farveli regalare, non si sbaglia mai!

Quest’estate mi son completamente data ai classici moderni, ne ho letti a bizzeffe, e potrei davvero consigliarne tanti (in primis quelli di Daphne du Murier), ma è uno solo il libro che mi è rimasto e mi rimarrà per sempre nel cuore: Via col Vento!
Ho sempre adorato il film, e finalmente quest’estate mi è venuta la felicissima idea di leggere anche l’opera originale… ed ora sono e sarò sempre completamente innamorata, del libro, della mente dell’autrice, e dei suoi personaggi. Il film è un capolavoro, il libro è molto, molto di più. È un racconto di guerra, dei cambiamenti che questa comporta e di come le persone vi reagiscono. È un “dietro le quinte” rispetto alla “nobile” causa dei nordisti (ora ho un’idea completamente diversa della guerra di secessione). È poi uno specchio della natura umana: non vi sono buoni o cattivi, solo persone. O meglio, vi sono le persone che noi vediamo per quel che sono veramente, e vi sono poi le persone come le vede Rossella (e per quanto fosse una donna estremamente intelligente, la giovane O’Hara non ha mai capito un tubo delle persone che la circondavano). E quindi è anche, e soprattutto, la storia di quella viziata, capricciosa, ma forte Rossella. Una donna che ha sconfitto la guerra con la sua tenacia e determinazione, ma che ha lasciato dietro di sè il suo cuore, e, senza di esso, i suoi occhi non hanno mai avuto un aiuto per vedere chi le stava di fronte. Ashley, un uomo scialbo e buono a nulla, diventa nella sua mente un eroe e l’uomo della sua vita. Rhett, il brigante, il farabutto Rhett, un uomo con la U maiuscola, intelligente, senza peli sulla lingua, e vero conoscitore della natura umana e della vita, diventa per lei… be’, solo un furfante! 😛 Spesso la sua cecità le causerà dei problemi, ma in periodo di guerra non c’è tempo per pensare a queste cose… ci penserà domani, dopotutto, domani è un altro giorno!

Ed ora dei consigli più “strategici”… Il 6 dicembre esce al cinema Grandi Speranze e a gennaio Les Misérables… quindi leggetevi subito e/o regalate il Grandi Speranze di Dickens e I Miserabili di Hugo! XD Il primo vi farà fare la conoscenza di uno dei personaggi più interessanti della letteratura inglese, Miss Havisham, il secondo vi farà immergere in una storia di quelle con la S maiuscola, di quelle che ti coinvolgono, che ti appassionano, che ti rapiscono… che ti commuovono. Non fatevi fermare dai capitoli TOTALMENTE inutili, sopportateli, e andate avanti! La storia vi ricompenserà, potete giurarci!
E, tra parentesi, il trailer del film è magnifico.

Riassumendo, ecco i CONSIGLI PER GLI ACQUISTI, categoria LIBRI:

  • un qualsiasi libro di Pratchett (ma, per ragioni affettive, io vi consiglio A me le guardie!);
  • La Fabbrica di Cioccolato, di R. Dahl;
  • Via col Vento, di M. Mitchell;
  • Grandi Speranze, di C. Dickens;
  • I Miserabili, di V. Hugo.

In realtà potrei andare avanti all’infinito a consigliar libri, ma… come ho detto all’inizio, in fondo in fondo volevo solo parlare delle mie scoperte preferite di quest’ultimo periodo! XD
Prossimamente scriverò anche la seconda parte, dedicata a una categoria tutta speciale, la Disney!

P.S.: in ogni caso, non c’è Natale che si rispetti senza la lettura di Canto di Natale di Dickens e de Il Grinch del Dr. Seuss!

Read Full Post »

«Che vicenda abbiamo vissuta, signor Frodo, non è vero?», disse. «Vorrei tanto sentirla narrare! Credete che diranno: Ecco la storia di Frodo dalle Nove Dita e dell’Anello del Fato? E allora tutti rimarranno silenziosi in ascolto, come quando a Gran Burrone ci narrarono la storia di Beren il Monco e del Grande Gioiello. Vorrei tanto sentirla! E mi domando come continuerà dopo di noi».

– Sam

Una barca si allontana verso i Rifugi Oscuri, Gandalf è lì sopra e rivolgendosi a coloro che lascia indietro non dice loro di non piangere, perchè non tutte le lacrime sono un male. Insieme a Sam, Merry e Pipino, sono fra coloro che devono dire “addio”, e che non possono fare altro che osservare la barca allontanarsi, fino al momento in cui diverrà un puntino all’orizzonte.

Dico quindi “addio”, mi asciugo gli occhi, volgo lo sguardo, cammino a piedi nudi nell’erba fresca della Contea, e, insieme a Sam, so in cuor mio che la Storia di Frodo dalle Nove Dita e dell’Anello del Fato è immortale, e che ad essa non dovrò mai dire “addio”.

Com’è possibile che io abbia letto solo ora Il Signore degli Anelli? La verità è che ho scoperto l’esistenza di Tolkien grazie all’uscita dei film, e, successivamente, la loro visione mi aveva talmente “riempito” e appagato, che sentivo di non aver bisogno d’altro. Ero felice così, mi sentivo piena di note, di magia elfica, di epicità. Non era il momento giusto per leggere il libro, non era il momento di assorbire ancor di più, era il momento di assaporare quanto già stavo provando.

Ma questo sole un giorno mi ha fatto sentire un Hobbit che passeggiava per la Contea. Ed ecco che il momento era arrivato. E il viaggio è stato avventuroso, magico, ricco, leggendario e commovente. Ero pronta ad ascoltare la storia di Frodo e Sam, i Portatori dell’Anello, e degli altri membri della Compagnia. E a Sam sarei sembrata un’Umana cui veniva narrata la storia di Beren il Monco e del Grande Gioiello, perchè durante la lettura sono rimasta silenziosa “in ascolto”, presa per mano dalla colonna sonora dei film, che era come un sorriso in più nelle parti gioiose, faceva scrosciare la pioggia in quelle tristi, mi dava una spada durante le battaglie e mi stava accanto nei momenti difficili.

Ma cosa ho provato durante la lettura, oh bè… quello non sono in grado di descriverlo. Va al di là delle mie capacità, da sola non riuscirei mai a incatenare le mie emozioni in definizioni e in parole. Ma Tolkien era un mago, con le parole componeva incantesimi, e con la magia riusciva anche a dare voce alle emozioni. Così non ho davvero bisogno di sforzarmi per raccontare il mio cuore, perchè l’ha già fatto lui. Lui è il menestrello che racconterà fino alla fine del mondo la Storia di Frodo dalle Nove Dita e dell’Anello del Fato, ed io non sono altro che una dei tanti che si son fatti incantare, e che hanno provato, provano e proveranno le stesse medesime sensazioni.

E tutto l’esercito rise e pianse e in mezzo alla loro allegria e alle lacrime si alzò come argento la voce del menestrello e tutti tacquero. Ed egli cantò, a volte in Lingua Elfica, a volte nell’idioma dell’Ovest, finchè i loro cuori, trafitti dalle dolci parole, traboccarono, e la loro gioia fu simile a spade, e il loro pensiero vagò nelle regioni ove delizie e dolori sono un’unica cosa e le lacrime sono il vino del godimento.

Read Full Post »

Amo chi legge

Un paio di giorni fa mi è arrivato un pacco da parte della mia adorata Blu, e, in mezzo a tante sorprese, ho trovato un libricino intitolato per l’appunto “Amo chi legge”. Questo non è altro che un piccolo quadernetto da completare (con i titoli dei nostri libri preferiti & CO) che è stato distribuito gratuitamente durante il “Maggio dei libri” di quest’anno, quindi sicuramente l’avranno in molti…
Anch’io naturalmente ho partecipato all’evento (o meglio, agli sconti! XD), però su internet, quindi non sono potuta entrare in possesso di questo magico quadernetto… Ma grazie a Blu ora ce l’ho! 😀 E dato che mi sono divertita tantissimo nel completarlo, ho deciso di dedicare un post a quelle domande a cui mi è piaciuto di più rispondere! 😀
So, let the game begin!!

IL MIO LIBRO PREFERITO.

Arrgh… questa è una domanda che ODIO! Come si fa a scegliere UN libro?? Quelli che ne hanno letto dieci potrebbero riuscire a fare una scelta, ma quando ne leggi tanti (ma proprio TANTI) tutti diversi, speciali a modo loro… come si fa a scegliere? A questo punto faccio pesare sulla scelta il fattore affettivo, ma anche così non potrei mai arrivare alla scelta di UNO, quindi ecco un piccolo elenco, dettato semplicemente dal mio stato d’animo di ADESSO.. domani l’elenco potrebbe essere diverso! 😛 Anyway:

  • Queste Oscure Materie
  • Guida Galattica per gli autostoppisti
  • Orgoglio e Pregiudizio
  • La Principessa Sposa
  • Canto di Natale
  • Coraline
  • Comma 22
  • Hugo Cabret
  • I Tre Moschettieri
  • Il filo del rasoio

So già che fra un’ora dirò “come ho potuto non mettere questo libro?? Come ho potuto dimenticarmi di quest’altro??“, ma, ora, ADESSO, questa è la lista dei 10. Avessi scritto il post fra un’ora, chissà come sarebbe stata! 😛 Ah! Sfora in quanto 11esimo, ma una menzione al genere “horror”: Frankenstein di Mary Shelley! ♥

LA MIA CITAZIONE PREFERITA.

Le storie sono luce, e la luce è preziosa in un mondo di tenebre.

– Kate DiCamillo

Le Avventure del Topino Despereaux

IL LIBRO PIÙ CORTO CHE ABBIA MAI LETTO.

  • Il curioso caso di Benjamin Button

IL LIBRO PIÙ LUNGO CHE ABBIA MAI LETTO.

  • Forse Il Conte di Montecristo, ma ora sto leggendo Il Signore degli Anelli, quindi…

UN LIBRO CHE MI HA CONSIGLIATO UNA PERSONA IMPORTANTE PER ME.

Bè, in realtà l’elenco sarebbe lunghissimo, ma ne cito tre, consigliati da tre persone che sono fra le più importanti della mia vita! ♥

  • Vita Stregata
  • Il Giovane Holden
  • I Tre Moschettieri

UN LIBRO CHE CONSIGLIO.

  • Guida Galattica per gli autostoppisti

UN LIBRO CHE MI HA FATTO VENIR VOGLIA DI FAR QUALCOSA.

  • Strega come me, ai tempi mi aveva fatto costruire un diario personale (senza modestie, era carinissimo! *_*)

UN LIBRO CHE MI HA FATTO CRESCERE.

  • Guida Galattica per gli autostoppisti (in realtà questo libro mi ha cambiato la vita)

UN LIBRO CHE MI ASSOMIGLIA (O IN CUI C’È UN PERSONAGGIO CHE MI ASSOMIGLIA).

  • Sophie, da Il Castello Errante di Howl, perchè anch’io mi sono sempre sentita una persona comune destinata ad una vita piatta e comune. Se poi la somiglianza continuasse nel trovare anche un Howl.. bè, cavoli! *_* XD

UN LIBRO DOVE VORREI ABITARE.

  • Nella Oxford di Lyra, dove il tempo si è fermato, e salire sui tetti e sguazzare nel fango sono ancora le cose più divertenti del mondo.

UN PERSONAGGIO CHE VORREI CONOSCERE DAVVERO.

  • Titolo del libro: Il Giovane Holden
  • Nome del personaggio: Holden
  • Cosa gli direi: Cristo, io ti adoro e compagnia bella! XD
  • Un consiglio da amico: la tua non è una vita schifa, pure i tuoi giorni più schifi hanno fatto battere il cuore a milioni di lettori!

UNA COPERTINA CHE MI HA FATTO SOGNARE.

  • Coraline

UNA COPERTINA CHE MI HA ILLUSO E FATTO ARRABBIARE.

  • Legacy. In realtà non mi ha fatto arrabbiare, ma la storia non è degna di una copertina così bella! Devono essersene accorti anche altri, dato che ora l’hanno cambiata! XD

UN LIBRO BRUTTO BRUTTO.

  • Moby Dick. Prima che qualcuno mi sbrani, preciso: non è brutto brutto, ma è (secondo me) altamente sovrastimato. Quel libro è (nella sua edizione INTEGRALE) per un 30% storia e per il restante 70% un manuale per il perfetto baleniere! XD

UN LIBRO CHE HO LETTO PIÙ DI UNA VOLTA.

  • Il Castello Errante di Howl
  • Orgoglio e Pregiudizio

UN LIBRO CHE VORREI RILEGGERE.

  • Adesso come adesso La Principessa Sposa! ♥ Appena mi son girata e l’ho visto mi è venuto un gran desiderio di rileggerlo! *_*

UN LIBRO CHE MI HA FATTO VENIR VOGLIA DI LEGGERE UN ALTRO LIBRO.

  • I misteri di Udolpho -> La Regina Margot

UN LIBRO DI CUI IL FILM NON MI È PIACIUTO.

  • Eragon

UN LIBRO DI CUI IL FILM MI È PIACIUTO TANTISSIMO.

  • Il Velo Dipinto
  • La Principessa Sposa
  • Stardust
  • Il Fantasma dell’Opera

UN LIBRO DI CUI VORREI UN FILM.

  • L’amuleto di Samarcanda

UN LIBRO CHE MI FA FUGGIRE DAL MONDO.

  • Tutti i libri (o quasi) riescono a farmi fuggire dalla realtà. Ma se devo menzionarne uno, dico Harry Potter, perchè Hogwarts è stata per molto tempo la mia seconda casa.

UN POSTO DOVE AMO LEGGERE.

  • Sulla mia adorata sedia rossa, che ha retto, e regge, il mio peso da una vita. ♥ XD

IL POSTO PIÙ STRANO IN CUI HO MAI LETTO.

  • Sulle scalinate dell’anfiteatro della mia città. Sotto il sole di luglio.

UN LIBRO CHE VORREI AVER SCRITTO.

  • Hugo Cabret

UN LIBRO CHE MI HA COMMOSSO.

  • Il Visconte di Bragelonne

UN LIBRO CHE MI HA DIVERTITO.

  • Il Tulipano Nero
… So, that’s all folks! Se fra le vostre letture manca uno dei libri qua citati, bè, non posso che consigliarveli! A parte Moby Dick e Legacy! XD
Ovviamente avrei voluto citare taaantissimi altri libri, ma, lo so, non è possibile.
Se le storie sono luce, come disse la DiCamillo, la mia vita è sempre stata illuminata da che ho memoria.
I fari sono stati innumerevoli, ed in cuor mio li ringrazio uno ad uno. ♥

Read Full Post »

Older Posts »